Stabilirò per voi un’alleanza eterna

Il versetto del profeta Isaia è stato scelto come motto dai tre giovani che nella memoria della Presentazione della beata Vergine Maria –il 21 novembre– hanno professato in perpetuo i consigli evangelici nella Congregazione di San Giuseppe. Il rito si è tenuto nel corso dell’incontro dei giovani delle opere giuseppine italiane “Sui Passi del Murialdo”, presso la parrocchia San Leonardo Murialdo di Viterbo, alla presenza di un bel gruppo di confratelli, un centinaio di giovani provenienti da diverse parti d’Italia, tantissimi amici e parrocchiani. Ha ricevuto le professioni il Padre Generale, don Mario Aldegani.

Hugo Baràs (dall’Argentina), Melques Franklin e Saji Pulladisseri (dall’India) dopo un lungo periodo di preparazione –chiamato normalmente “formazione iniziale”– hanno voluto donarsi a Dio per tutta la vita al servizio dei giovani poveri, basati sulla certezza che Dio ci ama, con amore specialmente misericordioso. Tutti e tre sono ancora studenti del terzo anno di teologia presso l’Istituto San Pietro, e si stanno preparando per ricevere, nel prossimo anno, il primo grado del sacramento dell’Ordine, il diaconato.

La celebrazione, presieduta dal padre Generale, è stata seguita da un rinfresco o cena offerto dalla parrocchia Murialdo a tutti i presenti.

Ancora una volta siamo convinti che la vita consacrata giuseppina non ha senso se è al di fuori della sfera della gioventù, specialmente quella povera e bisognosa. È con questa certezza che auguriamo a Hugo, Melques e Saji di essere sempre più in grado di rispondere alla chiamata di Dio in mezzo alla gioventù, senza mai dimenticarsi che i Giuseppini rispondono all’amore di Dio attraverso il lavoro con i giovani più bisognosi. Come ha detto il Papa in occasione della sua visita in Corea del Sud: «La vostra castità, povertà e obbedienza diventeranno una testimonianza gioiosa dell’amore di Dio nella misura in cui rimanete saldi sulla roccia della sua misericordia. Quella è la roccia». Siamo sempre più consapevoli del fatto che la nostra roccia è la misericordia di Dio! Tanti auguri ai tre professi perpetui! Auguri!

[VA]

Guarda il video: Voti perpetui movie

PPVT15-1 PPVT15-2 PPVT15-3 PPVT15-4 PPVT15-5 PPVT15-6 PPVT15-7 PPVT15-8 PPVT15-9 PPVT15-10 PPVT15-11

È ora di misericordiare

La Pastorale Giovanile dell’Argentina-Cile, come parte del suo percorso formativo, celebra ogni due o tre anni un “Incontro dei Giovani Murialdini” (EJM), che insieme con la Scuola annuale per Animatori Murialdini” (ESCAM), offre ai nostri giovani una opportunità di incontrarsi come famiglia murialdina e sentire con la Chiesa il ritmo della nostra storia, riflettendo, condividendo, pregando e celebrando la grazia che è il carisma di San Leonardo Murialdo a servizio dei prediletti dal Signore.

EJM 2015 6

Questa tredicesima edizione dell’EJM si è tenuta il 6-8 novembre nel Patronato Santa Filomena, a Santiago del Cile (Opera che quest’anno ha celebrato i 125 anni dalla sua fondazione ed è il primo patronato dell’America Latina), e che da quasi settant’anni ospita il Liceo Murialdo.
Con il motto “È ora di Misericordiare” (un neologismo di papa Francesco) abbiamo anticipato l’inizio dell’Anno Giubilare della misericordia, con un pellegrinaggio di sei chilometri al Santuario dell’Immacolata Concezione sul Cerro San Cristobal, dove, al tramonto, abbiamo celebrato la riconciliazione sacramentale e l’Eucaristia, presieduta dal provinciale P. José Luis di Paolo. Contemplando dall’alto la grande città, nel contesto della Missione Continentale, ci siamo preparati ad annunciare il Vangelo nella grande città.

EJM 2015 1

Sabato 7 gli oltre cinquecento partecipanti si sono riuniti in 20 gruppi, ciascuno con un’opera di misericordia da compiere: le tradizionali quattordici, una sulla bellezza della misericordia, e altre due sulla difesa della natura, come un’altra possibilità di vivere la misericordia. Così, dopo aver riflettuto sui fondamenti biblici, dogmatici e filosofici di questi atti di misericordia, ci siamo recati presso vari centri di assistenza in tutta la città di Santiago, portando la gioia di “Misericordiare” nei centri di aiuto allo studio, orfanotrofi, case di riposo, rifugi per senzatetto, conventi, piazze, musei, ospedali, carceri e persino cimiteri!

EJM 2015 3

Al ritorno, una festa di colori, musica e luci, con il saluto in video di P. Mario Aldegani e Suor Orsola Bertolotto. Domenica, dopo aver ricevuto il video saluto di p. Alejandro Bazan, condividiamo l’Eucaristia di chiusura che è stata presieduta da Mons. Galo Fernandez, vescovo ausiliare di Santiago, che ancora una volta ha invitato i giovani a condividere la Gioia del Vangelo misericordiando, ossia essere discepoli-missionari con atteggiamenti come “sorridere, abbracciare, perdonare e servire”.

Potete vedere le foto su Facebook: EJM Santiago, e Instagram: ejmsantiago2015, e si possono vedere i video promozionali su Youtube:

Video Nº 1 Encuentro de Juventud Murialdina

Video Nº 2- Encuentro de Juventud Murialdina.

Video Nº 3- Encuentro de Juventud Murialdina.

EJM 2015 2 EJM 2015 4 EJM 2015 5 EJM 2015 7 EJM 2015 8 EJM 2015 9 EJM 2015 10 EJM 2015 11 EJM 2015 12 EJM 2015 13 EJM 2015 14 EJM 2015 15 EJM 2015 16 EJM 2015 17 EJM 2015 18 EJM 2015 19 EJM 2015 20

“Sui Passi del Murialdo” 2015

Un lungo viaggio ci ha portati a Viterbo, dove gli educatori della Parrocchia Murialdo hanno accolto ed ospitato più di cento giovani provenienti dalle diverse realtà del Nord e Centro Italia, per vivere “Sui passi del Murialdo“. Esperienza di due giorni, 21 e 22 novembre, in cui ragazzi e giovani educatori dai 17 anni in su hanno testimoniato la bellezza dello stare insieme, tutti accomunati da uno stile e da una grinta magica.

L’incontro ha approfondito la figura e il carisma del Murialdo; dal ruolo fondamentale che la famiglia ha per ognuno di noi, fino ad arrivare, come è successo al Murialdo, all’accettazione di un Amore grande e infinito che non ci lascia soli, ma che nei momenti più bui ci dà la forza di superare ogni ostacolo e vedere i problemi come opportunità di crescita e cambiamento.

I giovani (e “diversamente giovani”) della Parrocchia Murialdo hanno anche presentato, sabato dopo cena, un recital su San Leonardo, “♯Davanti a te”, da loro ideato e prodotto per sostenere il popolo della Sierra Leone colpito dall’epidemia di Ebola. La domenica mattina ci ha visti impegnati in una grande caccia al tesoro, sempre sul tema dell’incontro, nel centro storico di Viterbo.

Proprio l’Amore è stato il filo conduttore di questa esperienza, infatti sabato sera noi giovani abbiamo avuto la possibilità di fare esperienza di Amore e partecipare alla professione perpetua di tre giovani Giuseppini, celebrata dal padre generale, Don Mario Aldegani.

Due giorni intensi caratterizzati da risate, sorrisi, convivialità, confronti, riflessioni e preghiere, momenti che ciascun giovane ha vissuto alla luce della spiritualità e dell’esempio del Murialdo e che riporterà nella propria opera. Ne è valsa la pena compiere un viaggio così lungo…

[FI]

 SpdM 1 SpdM 2 SpdM 3 SpdM 4 SpdM 5 SpdM 6 SpdM 7 SpdM 8 SpdM 9

Montecchio – Comunità Laici del Murialdo

Sabato 21 novembre la Comunità Laici del Murialdo di Montecchio ha rinnovato la Promessa.

La lectio divina è stata guidata da suor Emma Bellotto che da anni accompagna il cammino formativo, la celebrazione eucaristica è stata presieduta da padre Rino Cozza.

Al termine, un momento di convivialità ha visto riuniti i partecipanti intorno alla mensa.

 

Il gruppo dei partecipanti

Il gruppo dei partecipanti

Simbolo

Simbolo

Invia le notizie della tua Opera a news@murialdo.org

Festa grande all’opera di Villa Bosh

Negli Istituti Pio XII-Murialdo di Villa Bosch – Buenos Aires, Argentina – si è tenuta, come ogni anno, la EXPO 2015 di scienza, arte e tecnologia, che ha coinciso con la celebrazione dei 50 anni della scuola secondaria tecnica e 30 della scuola superiore per adulti. Sono stati giorni di festa condivisa, segnata dalla gioia e dal ringraziamento a Dio e a tanti laici-che e religiosi che che hanno intessuto questa meravigliosa storia d’amore.

 VB 50mo 13

“Evangelizzatori con spirito”: un motto che ci ha accompagnato durante tutto l’anno scolastico 2015 e che esprime l’identità della nostra Comunità Educativa, formata dall’Istituto “PIO XII”, l’Istituto “Leonardo Murialdo” e il Centro Comunitario Educativo “San Leonardo Murialdo”.

La sfida, condivisa dai genitori, insegnanti, alunni, e da tutto il personale della scuola, è permanente ed esigente: “evangelizzare educando ed educare evangelizzando”. Senza dubbio è stato anche lo sforzo maggiore messo in atto nei cinquant’anni di vita della Sezione Tecnica, oggi Istituto “Leonardo Murialdo”, che mentre ricorda le sue nozze d’oro, (1965-2015), ringrazia, riconosce, rinnova e riafferma l’impegno di continuare sui passi di San Leonardo Murialdo, seminando speranza nel cuore di tanti-e alunni-e, dando una casa e una famiglia ai giovani che bussano alla porta della nostra Comunità Educativa.

VB-50mo-12w VB-50mo-8w

Questo anniversario, come pure i trenta anni della Scuola superiore per adulti, diventa un’occasione propizia per “rincontrarci” e motivarci di più e meglio ad essere autentici “evangelizzatori con spirito”, continuando l’eredità dei confratelli Giuseppini del Murialdo e di tanti laici-che, corresponsabili nel testimoniare il carisma di San Leonardo Murialdo, i quali con la loro vita, hanno reso realtà questa Comunità-Famiglia Educativa.

Perciò: mamma, papà, insegnante, studente, ex alunno-a, religiosa o religioso che vivi in questa Comunità, dando il meglio di te:

– Avvicinati con amore misericordioso a ogni persona, solo quella che si sente amata può vivere in positivo.

– Rivolgi il tuo amore preferenziale a coloro che soffrono di più: è il mezzo migliore per liberare e guarire il loro cuore, la loro mente… tutta la  loro persona.

– Grida le Beatitudini: tutti conoscano chi sono i precursori del “mondo nuovo” e gli “eredi delle promesse”.

– Proclama anche i “Guai a voi…”; tutti sappiano chi sono i “principi” delle tenebre, assassini della speranza e della primavera.

– Canta la vittoria dei “poveri” e la sconfitta dei “potenti”.

– Smaschera le false speranze; si vestono in modo seducente, ma sono opprimenti e alienanti.

– Scopri i segni di tempi: tutti puntano verso la Pasqua, la Vita Nuova.

– Vedi il lato buono della vita; non essere profeta di sventure né seminatore di zizzania. Sii ottimista e testimone della vittoria che viene dalla Pasqua.

– Utilizza gli strumenti del dialogo, della non-violenza, tolleranza, verità, bontà: il mondo attorno a te comincerà ad essere differente.

– Apriti alla luce, alla forza e allegria dello Spirito di Dio, soffio rinnovatore di Cristo resuscitato.

– Non smettere di amare, e… “dove non c’è amore, metti amore, e raccoglierai amore”!

– Costruisci “ponti” che uniscono, abbatti i “muri” che separano; tessi relazioni con autenticità, semplicità, calore, rispetto e… gioia.

– Continua a “fare il bene facendolo bene”, sapendoti sempre amato-a infinitamente da Dio, che rende piena la tua vita e soprattutto annuncialo a tutti: “DIO TI AMA”!

Un grande grazie e… auguri a tutti.

Fraternamente

[GB]

 

VB-50mo-1w VB-50mo-2w VB-50mo-3w VB-50mo-4w VB-50mo-5w VB-50mo-6w VB-50mo-7w VB-50mo-9w VB-50mo-10w VB-50mo-11w

Invia le notizie della tua Opera a news@murialdo.org

Un Monastero Invisibile

Monastero Invisibile – Dicembre 2015

E’ disponibile, per chi desidera offrire la sua preghiera per le vocazioni, il nuovo numero (DICEMBRE 2015) de “Un Monastero Invisibile”.

Per scaricare il foglietto in formato .pdf o .doc, cliccare su questo link.

Chi volesse conoscere qualcosa di più dell’iniziativa di preghiera “Un Monastero Invisibile”, vada a questa pagina.

Ordinazione sacerdotale di Joshio Lizárraga

Martedì 17 novembre, festa di Santa Elisabetta d’Ungheria, patrona della nostra parrocchia di Hermosillo, nello stato di Sonora, Messico, nel tardo pomeriggio, è stato ordinato sacerdote il confratello Joshio Rabindranath Lizárraga Díaz, per l’imposizione delle mani di Monsignor José Ulises Macías, Vescovo della diocesi di Hermosillo. Accompagnato da un buon numero di giuseppini della Vice-Provincia USA-Messico, dai parenti, amici e parrocchiani, Joshio ha ricevuto il secondo grado del Sacramento dell’Ordine con gioia ed entusiasmo, fra la commossa partecipazione e i canti di giubilo dei presenti. Al termine della celebrazione eucaristica tutti si sono spostati nella sala SUTSPES per un momento conviviale di festa, con un’ottima cena e della buona musica.

[RL]

 J1w J2w J3w J4w J5w J6w J7w J8w J9w