Da San Giuseppe Vesuviano

Davvero ben riuscito il seminario di preghiera e riflessione sulla figura di san Giuseppe, che si è tenuto dall’8 al 10 aprile a San Giuseppe Vesuviano – NA, dal titolo: Ecco, tuo padre ed io, angosciati ti cercavamo” (Lc 2, 48). Promosso dalla Federazione italiana delle suore di san Giuseppe, dai Giuseppini del Murialdo e dagli Oblati di san Giuseppe, ha raccolto congregazioni che trovano nel santo Custode del Redentore un importante punto di riferimento. Hanno partecipato pure rappresentanti delle suore Murialdine, dei Fratelli della Sacra Famiglia e dei Guanelliani (basilica di san Giuseppe a Roma Trionfale).

Con la sapiente guida del giuseppino p. Tullio Locatelli e del francescano conventuale p. Guglielmo Spirito, si è approfondita la paternità di san Giuseppe con i relatori (il superiore generale dei Giuseppini p. Mario Aldegani e i biblisti Rosanna Virgili ed Ernesto Della Corte) e nei gruppi di studio. Si è addivenuti alla formazione di un gruppo di lavoro che porti avanti la comunione avviata e il confronto sul carisma giuseppino con nuove iniziative, in modo da ottenere ampia ricaduta nelle famiglie religiose e nella Chiesa. La sede prescelta ha dato l’opportunità per una visita guidata (da p. Angelo Catapano) e una concelebrazione conclusiva (presieduta dal padre generale degli Oblati p. Michele Piscopo) al santuario di San Giuseppe, che ha impressionato per la sua grandezza e bellezza.

[AC]

031w

Riportiamo i punti salienti del Messaggio conclusivo:

                   …vogliamo partecipare la gioia di questa esperienza, ricca di comunione e di condivisione, che ci ha visti insieme a pregare e a riflettere sulla figura di San Giuseppe…

I lavori sono stati aperti dalla relazione di p. Mario Aldegani, che ci ha riproposto il cammino della Chiesa sul tema della famiglia anche alla luce del documento Amoris Laetitia, uscito proprio in quella mattina dell’8 aprile. Le relazioni di Rosanna Virgili (Dagli occhi di Maria, Giuseppe come uomo, sposo e padre – Mt 1-2) e di p. Ernesto della Corte (Giuseppe “il facitore” della volontà di Dio), ci hanno fatto riscoprire una ricchezza biblica e teologica sulla figura di san Giuseppe…

I momenti di preghiera hanno aperto e chiuso i nostri tempi di lavoro, ponendo nelle mani del Signore anche le riflessioni condivise nei gruppi e partecipate in assemblea.

Ci siamo trovati insieme ad esprimere una convinzione: di fronte alle situazioni dell’uomo di oggi con i suoi problemi di famiglia, lavoro, educazione, fede, e per il tema della formazione iniziale e permanente di noi persone consacrate, san Giuseppe, che fu sposo-padre-lavoratore-migrante, ci offre prospettive per immaginare e realizzare un nuovo umanesimo. Da qui il nostro impegno e servizio alla Chiesa e al mondo: presentare e testimoniare che l’avere san Giuseppe quale riferimento fondamentale delle nostre famiglie religiose è una magnifica risorsa per partecipare in modo concreto alla costruzione del Regno oggi, per guardare il futuro con speranza e fiducia.

…è più importante sentire un bisogno di rinnovamento dell’essere figlie/i di san Giuseppe: vogliamo avere un linguaggio nuovo per parlare di san Giuseppe, desideriamo accedere ad una riflessione biblico-teologica-liturgica-devozionale che dia ali e basi sicure ad una testimonianza e ad un annuncio che possano essere percepiti significativi, per il credente di oggi.

Abbiamo scoperto che insieme possiamo rispondere a questa sfida “tutta giuseppina”: la comunione da… affettiva può diventare… effettiva e motore di iniziative che mentre rinnovano le nostre vite, ci preparano alla missione…

Con voi rinnoviamo il nostro grazie al Signore e a quanti hanno organizzato questo seminario, con l’augurio che l’entusiasmo di oggi sia fonte e premessa dell’impegno comune per proseguire insieme nella preghiera e nella riflessione su san Giuseppe.

026w 028w

Invia notizie sulla tua Opera a news@murialdo.org

P. Sebastián servo della misericordia

Il Sabato 2 aprile scorso, nel tempio della Parrocchia Madonna Addolorata e del transito di San Giuseppe, nella città di Mendoza, l’Arcivescovo, Mons. Carlos María Franzini, ha ordinato sacerdote il nostro confratello Sebastián Martinez Vera.

In una celebrazione liturgica ben preparata e realizzata, caratterizzata da una solenne sobrietà, nel clima della Ottava di Pasqua, con la presenza e l’aiuto dei seminaristi diocesani, una chiesa straripante di fedeli, tra cui erano i genitori e alcuni parenti di Sebastián, sacerdoti giuseppini che rappresentavano tutte le comunità in Argentina e in Cile accompagnati da alcuni membri delle opere, le Suore Murialdine, un buon numero di giovani e parrocchiani, sono stati vissuti momenti di commossa e devota partecipazione.

L’Arcivescovo ha diretto le sue parole soprattutto a P. Sebastián, invitandolo ad essere nel suo ministero soprattutto “servo della misericordia” come strumento di riconciliazione, concordia e pace nell’esercizio della sua opera sacerdotale, in particolare in risposta alle ispirazioni del carisma della Congregazione di San Giuseppe, che serve l’educazione dei bambini e dei giovani.

Dopo la Messa, nella sala polivalente dell’Istituto Nadino, fu condiviso un brindisi e il pranzo.

Il giorno successivo, Domenica della Divina Misericordia, P. Sebastián ha celebrato la sua prima Messa nella chiesa parrocchiale, circondato da confratelli, parenti, amici e fedeli. Nella circostanza sono risuonate le parole del superiore generale don Mario Aldegani, che abbiamo avuto la grande gioia di avere con noi in questa occasione molto sentita, che nella sua omelia, tra le altre cose, ha citato come esempio di Giuseppino fedele e sacerdote esemplare l’amato e ricordato P. Vladimiro Rossi, come un modello affinché il nuovo sacerdote forgi anche in se stesso le sue virtù di vicinanza e prossimità ai bambini e ai poveri.

Poi fu offerto un pranzo per le persone più vicine, presso i locali della casa di esercizi di Mendoza, gentilmente offerti per l’occasione.

In serata P. Sebastián ha celebrato la messa alla parrocchia della Sacra Famiglia, nella città di Villa Nueva, Mendoza.

La comunità ospite della città di Mendoza ha curato ogni dettaglio e ha offerto una chiara testimonianza di accoglienza fraterna e generosa. Abbiamo vissuto una bella esperienza di “Famiglia del Murialdo“.

A tutti la nostra gioia condivisa e gratitudine.

[JLDP]

 

OS-0w OS-00w OS-1w OS-2w OS-3w OS-4w OS-5w OS-6w OS-7w OS-8w OS-9w OS-10w OS-11w OS-12w OS-13w OS-14w OS-15w

Invia notizie sulla tua Opera a news@murialdo.org

Un nuovo libro sul Murialdo

PATRONATO SAN GAETANO THIENE                                Giuseppini del Murialdo

Siamo lieti di invitarvi alla presentazione del libro

Quale storia mio Dio!

San Leonardo Murialdo in «vivavoce», di Padre Fidenzio Nalin, VENERDI’ 15 APRILE 2016 alle ore 20,45 presso la sala cinema del Patronato San Gaetano in Via S. M. Maddalena 90, Thiene, con il Padre Generale dei Giuseppini, Mario Aldegani. Guida l’incontro la giornalista Cinzia Zuccon Morgani. Intermezzi musicali eseguiti dagli ATLANTO, letture di Fernando Andrighetto.

Poster2000

Invia le notizie della tua Opera a news@murialdo.org

Vita Giuseppina N. 3 – Aprile 2016

E’ online l’ultimo numero di Vita Giuseppina con cui, grazie alla collaborazione tra le redazioni di Vita Giuseppina e del portale murialdo.org, presentiamo la rubrica “IN RETE” che comincia la sua avventura con i gruppi scout della Famiglia del Murialdo.

A pagina 17-20 della rivista potrete trovare parte del materiale giunto dai gruppi scout.

Visitate anche la sezione online cliccando qui e ricordando che da oggi la rubrica “In rete” sarà sempre disponibile nella sezione “per i giovani” del nostro portale.

BUONA LETTURA!

Scriveteci i vostri commenti, inviateci le vostre foto e notizie da pubblicare, mandateci indirizzi di giovani, collaboratori, amici e parenti che ancora non ricevono Vita Giuseppina.

Seguici anche su Facebook:

https://www.facebook.com/pages/Vita-Giuseppina-rivista/261233487366641

La Redazione di Vita Giuseppina  

vita.g@murialdo.org

Murialdo Challenge 2016

Se sei un Giuseppino, una Murialdina, un laico o un giovane della FdM, partecipa alla nuova iniziativa pensata per celebrare la prossima festa di San Leonardo Murialdo.

Hai tempo fino al 12 maggio per raccontarci cosa dice il Murialdo alla tua vita.
Scopri come nel video!

Ti aspettiamo: non mancare la Murialdo Challenge 2016!
‪#‎murialdochallenge ‪#‎leonardomurialdo ‪#‎fdm

Segui l’iniziativa sulla pagina Facebook di Formazione Murialdo

Invia le notizie della tua Opera a news@murialdo.org