16 settembre

“Amatevi l’un l’altro, stringetevi in nodo di santa amicizia, formate una famiglia sola, unita, compatta, edificante per generosa carità, in modo che veramente si possa dire da chi ci guarda: vedete come si amano i Giuseppini!”

(Haec fratribus, p. 64-65)

14 settembre

“Il Signore manda qualche croce perché senza croce in Paradiso non si va e non si può andare; ma poi aiuta e non dimentica mai.”

(S. Leonardo Murialdo, Epistolario I, 51)

13 settembre

“L’obbedienza al momento presente è la linea retta che percorre sempre l’anima, senza fermarsi né a destra né a sinistra.”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti Vi, p. 395)

12 settembre

“Attraverso i secoli, la carità ha sempre costituito per i consacrati l’ambito dove il Vangelo è vissuto concretamente. In essa hanno valorizzato la forza profetica dei loro carismi e la ricchezza della loro spiritualità nella Chiesa e nel mondo. Si riconoscevano, infatti, chiamati ad essere «epifania dell’amore di Dio».”

(Ripartire da Cristo 36)

11 settembre

“Questo istante è come un angelo che dichiara la volontà di Dio: il cuore fedele prorompe il suo sì, come Maria Vergine a Gabriele.”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti VI, p. 395)

10 settembre

1950: TALAG, (ECUADOR), Missione Giuseppina

“L’amore è «divino» perché viene da Dio e ci unisce a Dio e, mediante questo processo unificante, ci trasforma in un Noi che supera le nostre divisioni e ci fa diventare una cosa sola, fino a che, alla fine, Dio sia «tutto in tutti».”

(Deus caritas est 18)

9 settembre

“Ogni uomo in ogni momento ha un dovere da compiere per far la volontà di Dio, e questo basta per la perfezione.”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti VI, p. 395)

8 settembre

1927: ARCHIDONA, (ECUADOR), “Misión Josefina”
1983: MADRID, (SPAGNA), “Comunidad Josefina”
2014: IBADAN (NIGERIA), “Murialdo House”

“E’ per i meriti di Gesù Cristo che ci vengono concesse le grazie, ma i meriti di Gesù Cristo ci vengono applicati per l’intercessione di Maria, essendo tale la volontà del Signore.”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti VI, p. 288)