30 settembre

1890: VICENZA,  (ITALIA), Patronato Leone XIII

“Uniti non tanto nel sistema, quanto nell’affetto di amicizia e nell’azione. Affetto di carità non basta, occorre quello di amicizia e di concerto nell’azione. Tutti i sistemi sono buoni se c’è affetto e concordia di azione; nessuno è buono senza di essi.”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti IV, p. 326)

29 settembre

1957: PUERTO NAPO, (ECUADOR), “Misión Josefina”

“Noi abbiamo l’alto onore di dividere coi buoni Angeli il nostro ministero verso quei fanciulli, quorum Angeli sempre vident facies Patris, e che perciò conviene sì rigorosamente tener lontani da ogni scandalo.”

(Spiegazione, p. 74)

28 settembre

1948: LA REINA (Santiago),CILE, parrocchia “San José Patrono de la Iglesia”

“Grazie al ricco patrimonio di tradizioni educative accumulato nel tempo dal proprio Istituto, questo carisma può dar vita ad ambienti permeati dallo spirito evangelico di libertà, giustizia e amore, nei quali i giovani sono aiutati a crescere in umanità sotto la guida dello Spirito, proponendo allo stesso tempo la santità quale meta educativa per tutti, docenti e alunni.”

(Ripartire da Cristo 39)

27 settembre

“O Dio, che per il servizio dei poveri e la formazione dei tuoi ministri hai donato al tuo sacerdote san Vincenzo de’ Paoli lo spirito degli Apostoli, fa’ che, animati dallo stesso fervore, amiamo ciò che egli ha amato e mettiamo in pratica i suoi insegnamenti.”

(Dalla liturgia, Colletta)

25 settembre

1955: CEFALU’- PA, (ITALIA), Istituto Artigianelli “Di Giorgio”

“Com’è bello! Tutti amanti di Dio, tutti che servono Dio nel prossimo, tutti umili, tutti in concordia tra loro!”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti IV, p. 113)

23 settembre

“Come uno sposo è tutto amore, carezze e regali per la sua sposa, così è Gesù per l’anima che stringe a sé nell’eucaristica unione.”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti III, p. 157)

22 settembre

1953: Fondazione della Congregazione delle SUORE MURIALDINE DI SAN GIUSEPPE a Rivoli (Torino)

“Siamo fratelli e il nostro cuore si spande in reciproco amore. Via da noi ogni querela, ogni mormorazione, ogni dispetto; via quello spirito di dominio e di alterigia nel trattarci vicendevolmente; nessuno cerchi di far da padrone; siamo fratelli e la pace regni fra noi, come nelle famiglie in cui è la benedizione del Signore.”

(Spiegazione, p. 140)

21 settembre

1851: LEONARDO MURIALDO celebra la prima Messa nella chiesa di San Dalmazzo a Torino
1993: GETAFE, (SPAGNA), “Comunidad Josefinos de Murialdo”

“Da allora ebbi sempre una certa qual devozione per san Matteo: mi piaceva pensare che anche lui era stato peccatore, e che era stato convertito dallo stesso Gesù Cristo, il quale si degnò di chiamare anche me all’apostolato.”

(S. Leonardo Murialdo, Testamento, p. 97)