12 febbraio

“Rivestirsi dello spirito di Gesù Cristo. Lasciarsi guidare in tutto da motivi soprannaturali. Agire in tutto in conformità agli insegnamenti della fede.”

(Vita di fede p. 5-7)

11 febbraio

1998: INDIA, Aroor, Kerala

“Finora non ho veduto coi miei occhi miracoli, quantunque siano innumerevoli quelli qui accaduti, ma questo poco mi importa: solo domando all’Immacolata Concezione che ne vediate uno voi; ed è quello di vedere finalmente fervoroso e santo chi dovrebbe essere il vostro modello.”

(S. Leonardo Murialdo, Epistolario III, 702)

10 febbraio

“Ho terminato la novena a Nostra Signora di Lourdes; ma veramente non ho domandato la guarigione in modo assoluto, ma il meglio a maggior gloria di Dio.”

(S. Leonardo Murialdo, Epistolario III, 1067)

8 febbraio

“O Dio, che in san Girolamo Emiliani, sostegno e padre degli orfani, hai dato alla Chiesa un segno della tua predilezione verso i piccoli e i poveri, donaci di vivere e operare nello spirito di adozione per il quale ci chiamiamo e siamo realmente tuoi figli.”

(Dalla liturgia, Colletta)

7 febbraio

1947: SANTIAGO DE CHILE, (CILE), Liceo “Leonardo Murialdo”

 “Dimmi: se fossi io il padrone e il regolatore del mondo, credi tu che lascerei che ti avvenisse qualche cosa per tuo male? E lo lascerà Dio? Dunque sempre rassegnato e anzi sempre lieto e contento di quanto ti manderà Dio.”

(S. Leonardo Murialdo, Epistolario III, 1222)

6 febbraio

“Siamo così assuefatti a vedere avvenire tutto il contrario di quanto ognuno si aspettava, che non dobbiamo aver paura di quanto pare ci minacci. Noi cristiani sempre contenti: ci può forse accadere cosa che Dio non voglia?”

(S. Leonardo Murialdo, Epistolario III, 1222)

5 febbraio

“Moltissimi sono coloro che vivono privi di quella filiale confidenza che è tutta propria di un cristiano, per cui egli non ravvisa in Dio che un padre amoroso che ha cura di lui, e perciò ripone sicuro in mano sua tutto se stesso e in lui tranquillo riposa, non altrimenti che un fanciullino che dorme sicuro in braccio alla madre sua.”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti XI, p. 295)

3 febbraio

“Che si perde? Una miseria. Che si guadagna? L’amicizia di Dio, l’essere la gioia di Dio: carezze divine in questo mondo, i primi seggi di gloria in cielo. Risolviamo: a te dono tutto il mio cuore, fedeltà. Preghiamo: prenditi il mio cuore, tutto.”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti IV, p. 213)

2 febbraio

“È necessario aderire sempre di più a Cristo, centro della vita consacrata e riprendere con vigore un cammino di conversione e di rinnovamento che, come nell’esperienza primigenia degli apostoli, prima e dopo la sua risurrezione, è stato un ripartire da Cristo.”

(Ripartire da Cristo 21)