San Giuseppe e l’arte del custodire

Il terzo Simposio Nazionale su San Giuseppe, organizzato da alcune famiglie religiose che l’hanno come patrono, tra cui i Giuseppini del Murialdo, si è tenuto ad Asti e Torino nei giorni 1-2 maggio 2015. Il Primo maggio ci si è radunati ad Asti nel pomeriggio. Dopo i consueti saluti (tra cui quello del p. generale, Mario Aldegani), il dott. Andrea Tornielli, vaticanista del quotidiano “La Stampa” ha parlato su “San Giuseppe custode del redentore ci insegna a «custodire» oggi”, un compito sempre più delicato. Successivamente, insieme al collega Enrico Lenzi di “Avvenire” ha intervistato padre Tarcisio Stramare, dei Giuseppini d’Asti, il teologo che aiutò San Giovanni Paolo II a preparare il suo documento su San Giuseppe Custode del Redentore.

Infine il padre Gianfranco Verri, giuseppino del Murialdo, ha illustrato i suoi dipinti collocati nel santuario giuseppino della città. La solenne concelebrazione, presieduta dal cardinale Lajolo, e la cena hanno concluso la giornata, cui hanno partecipato circa trecento persone.

Il giorno seguente, a Torino, il padre salesiano Andrea Bozzolo, preside della sezione torinese della Pontificio Ateneo Salesiano, ha parlato di San Giuseppe come esempio e patrono per le famiglie, in particolare come modello per i padri del nostro tempo. Suor Cristina Gavazzi, superiora provinciale delle Suore di San Giuseppe di Chambery, lo ha presentato come modello ed esempio per le persone consacrate, con il suo «sì» fondato sulla fedeltà di Dio e il suo prendersi cura dell’altro con tenerezza.

Queste due relazioni sono state riprese e attualizzate nella tavola rotonda, dove si sono confrontati Suor Orsola Bertolotto, madre generale delle Suore Murialdine, il signor Roberto Fioretti, del Piccolo Disegno delle Suore di San Giuseppe e fratel Lino da Campo, dei Fratelli della Sacra Famiglia.

L’omaggio a padre Stramare di un’opera di don Verri, presente anche nel logo del Simposio, ha concluso i lavori. Dopo il pranzo offerto al Collegio degli Artigianelli, coloro che lo desideravano si sono recati al Duomo per visitare la Sacra Sindone.

sg 3 sg2 sg1 sg 5 sg 4 sg 6 sg 7 sg 8

(Per le prime tre foto si ringrazia la «Gazzetta d’Asti», e per le altre la Federazione Italiana delle Suore di San Giuseppe)

[EB]

This post is also available in: Inglese Spagnolo Portoghese, Brasile