La sua storia

Slide background

Come San Giuseppe,

umile educatore di Gesù

La vita

cornicetta_media

Il Murialdo negli ultimo anni di vita

Nasce a Torino il 26 ottobre 1828. Il padre, ricco agente di cambio, muore nel 1833. La madre, donna molto religiosa, invia il suo piccolo «Nadino» in collegio a Savona, presso i Padri Scolopi, dove rimane dal 1836 al 1843. Tornato a Torino, frequenta i corsi di teologia all’Università e nel 1851 diventa sacerdote. Sceglie subito di impegnarsi nei primi oratori torinesi, tra i ragazzi poveri e sbandati della periferia: nell’oratorio dell’Angelo Custode, fino al 1857, e poi nell’ oratorio di San Luigi, come direttore, dal 1857 al 1865.
Trascorre un anno di aggiornamento a Parigi finché la Provvidenza lo chiama nel 1866 a farsi carico di giovani ancora più poveri ed ancora più abbandonati: quelli del Collegio Artigianelli di Torino. Da allora in poi tutta la sua vita è dedicata all’accoglienza, all’educazione cristiana e alla formazione professionale di questi ragazzi.

Per loro egli fonda nel 1873 la Congregazione di San Giuseppe (Giuseppini del Murialdo) e negli anni seguenti avvia nuove iniziative: una casa famiglia (la prima in Italia), una colonia agricola, altri oratori, insieme a varie altre opere.

Quella del Murialdo è una presenza significativa nel movimento cattolico piemontese. Lavora per la stampa cattolica, è attivo all’interno dell’Opera dei Congressi, è uno degli animatori dell’Unione Operaia Cattolica.

La sua esistenza terrena finisce il 30 marzo 1900, ma anche noi, lontani nel tempo, possiamo attingere alla sua preziosa eredità spirituale, confermata dalla proclamazione della sua santità, nel 1970. Possiamo far tesoro della sua esperienza di Dio: egli ci ama per primo, personalmente, in ogni istante. Il suo amore è infinito, tenero, misericordioso. La nostra risposta a questo amore sarà un fiducioso abbandono nelle mani di Dio, una ricerca gioiosa della sua volontà, un cuore totalmente donato a lui ed ai giovani, specialmente a quelli più poveri e più soli.

La festa di san Leonardo Murialdo ricorre il 18 maggio.

Per saperne di più

  • Renzo Agasso, San Leonardo Murialdo amico, fratello, padre, Libreria Editrice Murialdo, Roma 2000.
  • Giovenale Dotta, La figura e l’opera di San Leonardo Murialdo, in Giovenale Dotta – Giuseppe Fossati – Danilo Magni, Leonardo Murialdo, gli Artigianelli e l’Oratorio San Martino, Libreria Editrice Murialdo, Roma 2004, pp. 9-35.
  • Eugenio Reffo, Vita del Teologo Leonardo Murialdo Rettore degli Artigianelli di Torino e Fondatore della Pia Società di S. Giuseppe, sesta ed., Tipografia S. Pio X, Roma 1964.

I luoghi del Murialdo

Il Murialdo si racconta

cornicetta_top

Un ritratto del Murialdo ripercorrendo i suoi scritti ( a cura di V.Garuti).

I luoghi del Murialdo

cornicetta_top

La mostra Museo Murialdo

cornicetta_top

Il Murialdo ci guida nella visita del suo museo

Hanno detto di lui

cornicetta_top

“Quest’uomo mite, gentile e santo”

Paolo VI3 novembre 1963, alla beatificazione

“Straordinarietà di un uomo che difende l’uomo”

Paolo VILettere decretali per la canonizzazione, 1970

“Opere nuove secondo i segni dei tempi”

Card. Michele Pellegrino

“San Leonardo Murialdo divenne amico, fratello, padre dei giovani poveri”

Giovanni Paolo IIMessaggio per il centenario del Murialdo, 28 marzo 2000

“La pubblicazione internazionale segna un profilo di San Leonardo e del suo apostolato come educatore del popolo“…

Rivista "Tracce"di Comunione e Liberazione

This site uses cookies that improve the browsing experience. If you want to know more <a style="color:white" href="/en/cookie-policy-en/">click here</a> more informations

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close