Prima delle partenze per il ritorno ai propri paesi provenienza, c’è chi ha ancora uno o due giorni per visitare qualcosa dell’Ecuador, per fare un po’ di shopping tra mille colorate bancarelle e soprattutto per incontrare le comunità e opere dei Giuseppini … grazie anche alla incoraggiante cordialità e ospitalità dei confratelli locale e della gente!

• Domenica 24 Giugno i primi 6 capitolari ripartono dall’aeroporto “Mariscal Sucre” di Quito, ma non prima di aver fatto ancora una visita mattutina alla “Mitad del Mundo”, il suggestivo monumento e il parco nazionale, dove si vede l’esatta linea dell’equatore.

• Lunedì 25 Giugno è la volta di altri 14 capitolari. Per loro, rimasti nella casa del capitolo a San Rafael, la domenica è stata dedicata alla salita (con la teleferica) sul monte Pichincha, che domina Quito: una posizione panoramica per vedere quasi tutta la città (che si stende da nord a sud per 40 Km!) e il paesaggio andino. Inoltre una visita alla “Mitad del Mundo” anche per questo gruppo.

• Martedì 26 Giugno ripartono i 5 confratelli capitolari della viceprovincia dell’Africa: per loro il giorno precedente è stato dedicato ad una bella visita alla comunità e all’opera di Santo Domingo de los Tsachilas nella zona costiera: un progetto per i ragazzi più poveri, finanziato dall’Engim e un parrocchia con varie cappelle.

• Mercoledì 27 Giugno è la volta di p. Misihadas e d. Mariolino e anche loro hanno visitato Santo Domingo con gli “africani”.

• Nei giorni successivi si completano le partenze di quelli che hanno potuto fermarsi più giorni, dedicati alla visita della comunità e opere della costa (Babahoyo, Guayaquil, Salinas, …), oltre ad altri due confratelli (p. Giuseppe Rainone e p. Salvatore Currò), che hanno ancora in programma visite e incontri in Colombia in Luglio, soprattutto a Medellin, dove è prevista la prima professione di 4 giovani colombiani (Camilo, Cheismir, Gilver e Levinson) nella nostra parrocchia “S. Maria de la Sierra”, …

• Non ci resta che ringraziare tutti e soprattutto i confratelli dell’Ecuador che hanno organizzato tutto alla perfezione e ci hanno accudito … davvero con affetto e premura! Muchísimas gracias, hermanos!

This post is also available in: Inglese Spagnolo Portoghese, Brasile