COVID 19 NELLA FAMIGLIA DEL MURIALDO


  • 16 Novembre 2020

UNO SGUARDO SULLA CONGREGAZIONE E FAMIGLIA DEL MURIALDO IN TEMPO DI COVID 19

 

PROVINCIA ITALIANA

COMUNITA’ E CONFRATELLI: in questo periodo ho incontrato confratelli consapevoli della situazione di disagio e quindi capaci di affrontare le restrizioni. Chiaro che incontri occasionali possono diventare rischiosi e causare situazioni di positività. Così è stato per P. Giovanni Salustri, che ha già superato il periodo di quarantena, p. Rosario Avino, P. Francesco Molinaro e Davide Gaviglio che invece lo stanno attraversando

 OPERE SCUOLE CFP SOCIALI SCUOLE ORATORI ECC.: nelle scuole e nei cfp c’è grande fermento perché l’attività didattica prosegua con serenità. Ogni realtà ha cercato di seguire con una certa rigidità i vari protocolli richiesti perchè nulla fosse lasciato al caso e devo dire di avere trovato grande serietà e fermezza in tutte le varie realtà visitate in questi due mesi. Alcune scuole hanno avuto anche un incremento di presenze. Così pure i vari oratori, la gran parte dei quali sono ancora in parte chiusi, stanno cercando di osservare le normative. In alcune parrocchie si è cercato in questo periodo di celebrare i sacramenti che nel periodo di marzo-giugno erano stati sospesi. Così pure alcune attività giovanili stanno riprendendo, chi in persona, mantenendo sempre le distanze, chi on line

 PROSPETTIVE: Nel prossimo periodo il covid ci costringerà a vivere alcune esperienze già programmate in modalità on line e non in persona: Forum di gennaio, esercizi spirituali per i confratelli… Alcune dovremo addirittura posticiparle: Giornate  di spiritualità della Famiglia del Murialdo, incontro dei giovani confratelli, incontro con i parroci…  Stiamo comunque cercando di guardare avanti pensando a come riorganizzare la nostra provincia alla luce di tante situazioni (scarsità di confratelli, età avanzata, maggiori attività…), alla luce anche di introdurre gradualmente il sistema binario come sistema economico gestionale.

                                                                                                                                                                                                                                                                                           p. Tony Fabri

                                                                                                                superiore Provincia italiana

 

ECUADOR COLOMBIA

Teniendo presente el pedido, La situación tanto en Colombia y Ecuador, la situación de los contagios de la pandemia son altos.  Se dan muchos contagios al día.

Las iglesias de la Costa se abrieron hacia un mes y de la Sierra hace  tres semanas con el foro reducido, pero si esto se complica los Obispos manifestaron de volver a cerrar.

En cuanto a nuestra Provincia, los hermanos están bien y estables en forma general. El Padre Ernesto  Villacrés está muy delicado de salud en cama, se levanta sólo al baño con ayuda por el problema del cáncer al hígado, los fármacos ya no le hacen nada. Los otros enfermitos: P. Efrén, P. Luciano. P. Mena. P, Altamirano ,etc están  estables.

Las escuelas y Colegios siguen cerrados, haciendo clases por online. Ha bajado el numero de alumnos para este nuevo año que empezaron.

 Ahí  estamos   caminando y  las comunidades  a pesar de estos inconvenientes de la pandemia están tranquilas.

                                                                                                                                                           P. Julio.

DELEGAZIONE CENTRALE

Per ora in casa generalizia non si sono verificati casi di confratelli positivi al Covid; p. Rainone Giuseppe è stato in Albania e di ritorno ha fatto la quarantena.

A Viterbo chiusa la scuola dell’Istituto dopo che alcuni frati cappuccini sono stati trovati posiviti. Per ora nessuno dei nostri confratelli ha problemi.

A Padova si sta ancora di più in casa; per ora non ci sono problemi particolari.

 

DELEGAZIONE DI SPAGNA

  1. DELEGACIÓN, COMUNIDADES Y HERMANOS:

*11.3.2020: Madrid, El Pozo. Ingresa P. Franco Zago en el hospital y fallecerá el 30 de marzo con coronavirus. A lo largo de todos esos días estuvimos en contacto con todos los hermanos y colaboradores, y, sobre todo, con la familia de Franco, a quien tenemos que agradecer mucho su cercanía y ayuda. El entierro, transmitido por Facebook y ahora está en Youtube fue el 1 de abril, y, por prudencia y restricciones, solo hubo tres personas y el Delegado como celebrante. Además, P. Angel Martínez y P. Juan José Gasanz, de la misma comunidad de Franco en el Pozo dan positivo pero con síntomas leves. Ninguno de los demás hermanos ha tenido el virus. En Sigüenza, un colaborador y una trabajadora de los cursos -muy cercana a la comunidad- dieron positivos en septiembre y se van recuperando. En las parroquias de Azuqueca, Madrid san Blas y el Pozo fallecen varias personas por el Covid-19. Se multiplican los funerales y responsos en el cementerio. Es verdad, que en algún caso esta pandemia en un primer momento nos ha entristecido, deprimido o aturdido. La fe en el Señor, siguiendo a nuestro fundador, nos dice todo lo que nos envía es para nuestro bien.

Hemos tenido ocasión de celebrar algún retiro en la Delegación, reuniones sectoriales on line (Consejo, ecónomos, Patronatos, Consejo general, Familia de Murialdo, Parroquia Josefina, antiguos alumnos, etc) y oraciones on line como el 3 de mayo dando gracias a Dios por los 50 años de canonización de S. L. M. Tuvimos los ejercicios espirituales presenciales la última semana de julio: 11 hermanos y 5 laicos. Se realizó la consulta para ecónomo José ramón Ruiz y para consejero, después de que dimitiera José Sanz, fue nombrado José Ramón Ruiz.

  1.  OBRAS

En España desde el 13 de marzo hasta el 17 de mayo estamos en confinamiento domiciliario. Están cerradas las parroquias y todas las celebraciones se hacen por streaming. Y en las escuelas y colegios debemos seguir la enseñanza on line.

En las parroquias, las primeras comuniones se han ido espaciando a lo largo de junio, julio, agosto y septiembre. Además, se ha incrementado el número de personas que han acudido a Cáritas solicitando ayuda en alimentos, pagos de alquileres, etc.

En los colegios desde septiembre la enseñanza es presencial, manteniendo la distancia y todas las medidas sanitarias. Con mucho trabajo en Orduña funciona prácticamente normal.

Los cursos para la formación de personas en desempleo en Azuqueca y en Sigüenza llevan un poco de retraso pero se prevé que pronto, a lo largo del mes de noviembre, empezarán.

  1. ECONOMÍA

Han disminuido los ingresos en las parroquias porque viene menos gente, especialmente ancianos, y por el aforo limitado a 2/3, 1/2 o a 1/3 como en este momento desde el 18 de septiembre. Tampoco alquilamos los locales para reuniones, celebraciones diversas, que aportaban una buena entrada para las parroquias. Y también no podemos acoger grupos numerosos en Sigüenza y Orduña de fin de semana o durante el verano, hecho que se ha notado mucho en la economía de las dos obras. Sin embargo, podemos decir que el Covid-19, por ahora, no ha influido demasiado en nuestra economía.

  1. PERSPECTIVAS

A pesar de todo, me da a mí la impresión que ha crecido la conciencia de Delegación de España: los laicos y colaboradores han tenido la ocasión de emerger, participar y responsabilizarse más en nuestro futuro y obras. Nos han ayudado no solo en algún caso con donativos para Cáritas sino también reflexionando y planificando el futuro con más confianza en el Señor, como lo prueban dos hechos: la reflexión sobre la Fundación Leonardo Murialdo que debe expandirse en toda la geografía española y dar cobijo a nuestras obras sociales, así como a la Familia de Murialdo aquí en España; y, segundo, la reunión de los Antiguos alumnos que demuestra que podemos contar con ellos para vivir el carisma josefino, pues siguen sintiendo vivo a San Leonardo Murialdo.

                                                                                                                                                                   Juan José Gasanz

Superiore Delegazione Spagna

 

 

NEWS

Altre news

IL MESSAGGIO DI PADRE GENERALE PER L' AVVENTO

A TUTTI I CONFRATELLI ALLA FAMIGLIA DEL MURIALDO   BUON AVVENTO   Carissimi confratelli. Stiamo vivendo un tempo particolare, nel quale tante sono le domande che restano inevase. Quando finirà la pandemia? E allora come saremo? E via di seguito. Non ho risposte. Vi scrivo perché  mi metto accanto a ciascuno di voi, alle vostre comunità, ai tanti della Famiglia del Murialdo, ai giovani e alle loro famiglie,  a quanti si avvicinano in cerca di un aiuto e di una presenza amica. Mi permetto di condividere con voi quello che a mia volta ho meditato in questi giorni e che vorrei fosse un’indicazione forte per il mio cammino di Avvento, perché Natale 2020 non può essere che diverso, dentro e attorno a noi. Dunque tre semplici pensieri. 1.Servire la vita, dove la vita accade Non possiamo fare tutto e rispondere a tutto. Ma non possiamo nemmeno rimanere legati alle nostre programmazioni, ai nostri progetti. Capisco che la gestione delle comunità e dell’opera hanno le loro esigenze e i loro problemi, peraltro oggi aumentati, ma rimaniamo aperti, viviamo “in uscita”. La vita ci interpella e non è possibile racchiuderla nei nostri schemi. 2. Il cammino è la meta   Siamo stati abituati a pensare al camminare come un mezzo per raggiungere il fine, la meta. Oggi nella povertà delle risposte, possiamo scoprire che il cammino stesso è una meta. Mi sembra di cogliere nell’enciclica Fratelli tutti  questo atteggiamento che indica dialogo, apertura, accoglienza, perché tutti ci incontriamo nel cammino. E i cammini sono da reinventare ogni giorno. A noi l’impegno di non lasciare indietro nessuno, di fare spazio e di dare tempo perché nessuno si senta uno scarto. 3.“Perché quando sono debole, allora sono forte” (2 Cor 12, 10) Ma di quale forza stiamo parlando?  Vivere l’Avvento è prepararsi ad accogliere Dio nella sua debolezza e accettare che questa è la via scelta per salvarci.  Ha fatto propria la nostra debolezza, non ha scelto solo di venire “per” noi uomini, ma ha scelto di essere “come” noi. Viviamo l’Avvento non solo come un tempo “più ascetico” per portare frutto nel nostro cammino di santità, ma come invito ad un’immersione più profonda nelle debolezze e nelle ferite dell’umanità, da cui non ci sentiamo estranei perché “siamo tutti sulla stessa barca”.  Infine ancora una volta sentiamo il bisogno che Lui salga sulla nostra barca e che ci aiuti a fare delle “ferite” delle “feritoie” che fanno passare la luce.  In questo senso ogni debolezza dà corpo alla nostra preghiera e dà forza al nostro bisogno di comunione con Lui e tra noi. Un forte abbraccio per ciascuno. Con affetto.    p. Tullio Locatelli padre generale  


27 Novembre 2020

thumb
UN CORSO DI GESTIONE INTEGRATA- BRASILE

Il Murialdo tiene un corso di gestione integrata delle persone, cultura e finalità organizzative: La Facoltà Murialdo di Caxias do Sul (RS), in collaborazione con l'Istituto Leonardo Murialdo, ha tenuto, dal 20 ottobre al 19 novembre 2020, il martedì e il giovedì, dalle 18:15 alle 22:15 (ora di Brasilia), il corso di Gestione integrata delle persone, della cultura e delle finalità organizzative, in modalità online con l'insegnante dal vivo in classe. È durato 40 ore e ha cercato di dotare i professionisti per la gestione integrata, tenendo conto dell'importanza di coinvolgere persone e team nello scopo dell'organizzazione. Gli argomenti che hanno coperto la formazione sono stati: People Management la Business Key; Pianificazione e gestione strategica; Struttura legislativa e norme; Imprenditorialità aziendale, innovazione e tecnologia; Leadership, gestione del team e cultura organizzativa; Gestione del rischio e analisi dello scenario; Ottimizzazione dei budget e ricerca di indicatori; Organizzazioni orientate allo scopo; Nozioni di Management Marketing e Management e Spiritualità. Il corso ha avuto 116 partecipanti, inclusi religiosi giuseppini e murialdine e leader laici della maggior parte delle opere del Brasile. Questo giovedì 19 novembre, il corso si è concluso con il tema Management e spiritualità, con il professor Gustavo Balbinot. Egli ha detto che è caratteristico della persona che coltiva la spiritualità avere il senso della vita; essere costantemente consapevoli; cercare un significato negli eventi; essere sensibili agli esseri umani e agli "echi"; rispetto e differenze di valore; nutrire l'interiorità; investire nella qualità della vita e imparare dalle crisi.


24 Novembre 2020

thumb
Clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter