Inserisci la tua email e scegli il gruppo di interesse.

Inserisci username e password nei campi sottostanti.
Username:
Password:

NEWS dalla FdM


Un nuovo argomento per la nostra riflessione
01/03/2015
Una nuova proposta di riflessione: “Esperienza di formazione reciproca a Villa Bosch”...
Numero di MARZO de "Un Monastero Invisibile"
20/02/2015
E' disponibile, per chi desidera offrire la sua preghiera per le vocazioni, il nuovo numero (MARZO 2015) de "Un Monastero Invisibile"...
Un nuovo argomento per la nostra riflessione
15/02/2015
Grazie alla collaborazione di p. Alejandro Bazán, una nuova proposta di riflessione...
Convegno annuale a Viterbo
14/02/2015
Dal 12 al 14 febbraio, nella sala Marinelli dell’Istituto San Pietro, si è tenuto l’annuale convegno filosofico-teologico...
Un nuovo argomento per la nostra riflessione
01/02/2015
Una nuova proposta di riflessione: “Accompagnare il giovane nel suo cammino spirituale”...
Un raggio di speranza in Sierra Leone
30/01/2015
Finalmente la terribile epidemia di Ebola che ha così duramente colpito la Sierra Leone sta cominciando ad essere domata...
Vita Giuseppina N. 1 – Gennaio 2015 – Anno 121°
26/01/2015
È in spedizione il primo numero del 2014 di Vita Giuseppina...
Sei Suore Murialdine celebrano il Giubileo di Vita Religiosa in Brasile
19/01/2015
Una vita dedicata a "vivere e irradiare l'amore di Dio" ha motivato la celebrazione realizzata dalle Suore Murialdine di San Giuseppe in Fazenda Souza...
Conclusione della Conferenza Interprovinciale in Brasile
17/01/2015
La Conferenza Interprovinciale ha terminato i suoi lavori il venerdì 16 gennaio a mezzogiorno, con una celebrazione eucaristica...
In Brasile si aprono il Centenario e la Conferenza Interprovinciale
15/01/2015
Un fine settimana brasiliano ricco di appuntamenti per i Giuseppini e la Famiglia del Murialdo...
ARCHIVIO NEWS.



Dal 22 al 24 Febbraio a Roma Murialdo un nuovo incontro per i Giovani della FdMper scoprire che cosa fa di noi persone speciali e accorgerci di tutti quei luoghi e quelle situazioni dove il cielo e la terra si incontrano...
Per maggiori info, clicca qui!
.



 

"Una proposta, per condividere l’umile, costante, ma meraviglioso servizio che in varie parti del mondo la nostra Famiglia sta realizzando a favore dei più bisognosi e cercare di discernere insieme i sentieri che ci portano ad essere sempre più fedeli al carisma che Dio ci ha donato.

Per saperne di più, vai al "Forum pastorale"!


La FdM in Cielo


Il Signore Morto e Risorto è certezza di vita per:



D. Terezinha, sorella di p. Antonio Mattiuz. 

P. Roberto Lovato, della comunità di Vicenza, morto il 2 ottobre, a 84 anni.

Rafael Olea Alvarez, fratello di p. Pedro Olea, morto il 28 settembre. 

P. Armando Zaccaria, della comunità di Modena, morto il 24 maggio a 86 anni.


P. Delio Fossà, ricoverato presso la struttura di Brendola, morto il 2 maggio a 74 anni.

Batista Locatelli, papà del nostro compianto d. Giuseppe Locatelli, morto il 26 aprile a 95 anni.



A questa pagina trovi tutti i nostri fratelli ed amici in Cielo.



FdM Multimedia
La FdM fotografata
Vai alla sezione delle Gallerie Fotografiche di eventi della Famiglia del Murialdo in tutto il mondo.


Una serie di proposte che dovrebbero essere il luogo e il ponte per quanti vogliono avventurarsi in questo cammino...
Il vero volto “teologico” della pedagogia cristiana e murialdina: scoprire e fare esperienza che Dio è amore...
Aiutare i giovani a prendere coscienza del carattere personale, della singolarità della propria relazione con Dio...
Da una parte i segni dell'umano che indicano il divino, dall'altra parte il dialogo con Dio che si incarna nell'umano...
Una pedagogia per essere capaci di vivere in profondità l’esperienza del Natale...
Come e con chi il Murialdo ha maturato la sua visione pedagogica...
Perché l’educazione sia educazione del cuore...
Una relazione basata sull’amore: aver fiducia che ogni ragazzo può essere educato...
Usiamo il termine “giuseppino” quando vogliamo fare riferimento alla scelta che lo stesso fondatore ha voluto cioè di essere figli di San Giuseppe...
I tratti fondamentali della pedagogia giuseppina vengono qui applicati all’educazione superiore...
Il profilo del docente: un educatore, un leader, leale e sincero ...
Sono aperte le iscrizioni...
La parrocchia è un luogo concreto di incontro con la gente, giovani che si mettono a disposizione, che chiedono di essere aiutati...
Gli educatori sono "impastati" di carisma, di vocazione e di donazione nel servizio educativo a favore di tanti ragazzi e di tanti giovani
L’educare della devianza, della marginalità e del disagio assume la forza di un annuncio e di una speranza...
Nell’Engim troviamo le caratteristiche giuseppine dell’educare: lo spirito di famiglia, la centralità del ragazzo, esercitare l’ascolto e il dialogo educativo, essere comunità educativa...
Condivide la propria vita e le proprie scelte per accompagnare i giovani...
Accanto ad alcune idee di fondo, don Reffo offre soprattutto dei consigli pratici, frutto della sua lunga esperienza...
Il formatore ha il compito di parlare al cuore, di entrare in empatia, di essere autorevole quanto credibile...
Le definizioni non sono tutto ma sono importanti per avere un linguaggio comune...
Fondare sull’amore la relazione educativa significa incontrare il cuore dell’altro...
Se guardiamo il mondo, la nostra vita, gli altri, con gli occhi di un bambino, possiamo vedere le cose in un modo nuovo e diverso...
Nel tracciare un cammino esperienziale si mettono in luce tre momenti: mi metto in gioco, ascolto al Parola, ri-oriento la mia vita...
“Vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo, toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne.” (Ez 36,26)...
La scuola in contatto con lo scenario tecnologico...
Educazione che se ben realizzata nell’adolescenza può essere fondamento di maturità giovanile ed adulta...
Il Murialdo ma ci ha offerto una strada sicura per essere educatori...
Si lavora per offrire ai giovani uno spazio ed un tempo educativi e formativi per l’oggi e per il domani...
Non perdersi nei meandri delle tante cose dette ma di cogliere l’essenziale...
Televisione, internet, videogiochi, sono alla portata di tutti i nostri ragazzi ma fino a che punto noi educatori ne cogliamo l'aspetto educativo, nel bene e nel male?
La sfida pedagogica si vince sul campo...
Quanto più l’educatore vive della spiritualità murialdina tanto più la incarna come educatore...
Siamo invitati a fare nostri i sentimenti di San Giuseppe, figura di riferimento per tutti...
Non si può esistere senza l'altro o peggio contro l'altro, ma si esiste in forza di un legame di reciprocità.
Il testo che segue è l'intervento che il padre generale Mario Aldegani ha fatto al Sinodo dei vescovi sulla Nuova Evangelizzazione, tenutosi nell'ottobre 2012.
Il grande educatore è Dio stesso ed egli educa attraverso l’amore, come ci insegna la Bibbia. L’esperienza di sentirsi amato e di amare, si trova al cuore della esperienza personale del Murialdo espressa poi nel carisma educativo della FdM.
Alla luce della sua esperienza, p. Luigi Cencin, superiore della Viceprovincia di Africa, ci indica alcune priorità perché il carisma del Murialdo possa incontrare la realtà dell'Africa.
“Soñando por el cambio”, una buona esperienza di applicazione della Pedagogia dell’Amore
A Santo Domingo (Ecuador) si cerca di rispondere in modo nuovo alle esigenze educative dei ragazzi secondo due riferimenti: il fondamento carismatico del Murialdo e il partire dal ragazzo stesso.
03 Marzo

“Quali soavi affetti non dovevano suscitarsi nel cuore di Giuseppe, allorché egli sentiva chiamarsi con il nome di padre da chi egli venerava come Dio! Con quanto affetto non avrà egli indirizzato a Gesù il caro nome di figlio?”

(S. Leonardo Murialdo, Scritti X, p. 388)


 
2007 © Congregazione di S. Giuseppe - Giuseppini del Murialdo - Tutti i diritti riservati • Informativa sulla Privacy • P.Iva 01209641008
Design & CMS: Time&Mind