NUOVO POSTULATORE GENERALE: P. GIUSEPPE RAINONE


  • 01 October 2020

A partire dal 1 settembre 2020, il p. Tullio Locatelli, mi ha invitato ad assumere l’incarico della postulazione generale per le cause dei santi in Congregazione. Con sorpresa e qualche perplessità, ho raccolto l’invito nella convinzione di mettermi comunque a servizio della congregazione per quanto essa mi richiede. I primi passi per esercitare questo compito, esigono da un lato di conoscere persone, ambienti, normative, riferentisi alla Congregazione delle Cause dei Santi in Santa Sede, dall’altro di lavorare all’interno della nostra famiglia religiosa per essere come postulatore generale di collegamento e di riferimento ai vice postulatori che stanno seguendo le varie cause del beato Giovanni Schiavo, di don Eugenio Reffo, di don Angelo Cuomo. Dall’8 ottobre 2020, si aggiunge quella di don Ettore Cunial, che il padre Giovanni Salustri sta seguendo nel suo avvio in Albania. Insomma non dovrebbe essere semplicemente un lavoro di ufficio perché occorre tenere rapporti, seguire il lavoro e fare un poco di promozione in tutta la Famiglia del Murialdo. Lavorare in equipe è un segno importante del camminare insieme per arricchire il cammino di tutti. È un ufficio che ha il suo valore e la sua ricaduta specie sul versante carismatico e spirituale, cosa della quale dovremmo preoccuparci un poco di più.

Saluti fraterni da p. Giuseppe Rainone.

NOTICIAS

Otras noticias

FESTA DEL PRIMO MAGGIO A SAN GIUSEPPE VESUVIANO

Da quest'anno di san Giuseppe la festa del primo maggio, festa del lavoro, liturgicamente è stata elevata a memoria obbligatoria in onore di san Giuseppe lavoratore. Qui a San Giuseppe Vesuviano negli anni passati era festa patronale cittadina. Nonostante le restrizioni per la pandemia, e considerando la grave crisi economica occupazionale, abbiamo voluto restituire importanza a questa data significativa. Per l'occasione una solenne concelebrazione vespertina si è svolta nel nostro santuario, presieduta dal cardinale Marcello Semeraro, prefetto della congregazione per le cause dei santi, che ha sottolineato la missione del Patrono dei lavoratori ed è rimasto ammirato del Tempio dedicato. Dopo l'eucarestia si è inaugurato nella piazza antistante un busto in bronzo con la base in pietra lavica di don Giuseppe Ambrosio, illustre concittadino, fondatore del monumentale santuario (come pure delle opere collaterali) e apostolo di San Giuseppe nel mondo. E' stato un doveroso omaggio nel 150° della sua nascita, riconoscente verso chi ha dedicato la vita a tale scopo, con fede e amore per tutta la prima metà del Novecento, e chiamando i Giuseppini a guidarla. L'opera scultorea è stata realizzata dall'artista Domenico Sepe e realizzata con le donazioni raccolte dal club Lions "San Giuseppe Terre del Vesuvio". Il cardinale ha benedetto il busto e vari interventi si sono susseguiti, alla presenza delle autorità e di una rappresentanza del popolo sangiuseppese.


11 May 2021

thumb
Clica aquí para inscribirrte en nuestro Boletín