P. Franco Zago Da Re

27 March 1945 / 30 March 2020

 

"Venite a me, voi tutti che lavorate e siete carichi e io vi darò riposo". Prendete il mio giogo su di voi e imparate da me, perché io sono mite e umile di cuore, e voi troverete riposo" (Mt 11, 28- 30).
Lunedì scorso, 30 marzo 2020, Dies Natalis, sempre di San Leonardo Murialdo, alle 18.40, dopo aver combattuto per 20 giorni nell'ospedale "Infanta Leonor" di Madrid, - conoscevamo il suo vigore, sua forza d'animo e il suo desiderio di vivere -, il nostro fratello sacerdote giuseppino è andato alla casa del Padre. Aveva 75 anni. La causa medica è stata una polmonite bilaterale secondaria con grave insufficienza respiratoria. Anche lui è stato vittima del covid-19 perché era stato molto debole per alcuni giorni
e ha continuato a lavorare fino al giorno stesso del ricovero in ospedale, andando a scuola la mattina. E il giorno prima ha celebrato la Messa come poteva in parrocchia perché gli mancava la forza, secondo i parrocchiani che non dimenticheranno mai quell'ultima eucarestia che ha celebrato. Tuttavia, dietro questa apparizione, "noi cristiani, - ci ha ricordato il padre generale D.Tullio Locattelli - sempre e soprattutto in questi giorni di coronavirus, dobbiamo pensare alla morte come al Dies Natalis, il giorno della nascita per il cielo e affrontare le difficoltà con valore, coraggio e speranza cristiana". È un'occasione per domandarci, cosa mi chiede Dio, è qualcosa di nuovo che nasce in me?
Nacque a Conegliano (Treviso) Italia, il 27 marzo 1945, alla fine della seconda guerra mondiale, e morì anche nella guerra mondiale della pandemia. Dopo gli studi di medi a Montecchio Maggiore, e la palestra di Arcugnano nel 1962, anno del suo postulato, inizia il Noviziato, 23.9.1962, a Vigone; Prima Professione religiosa, 29.9.63. Continua gli studi presso lo Scolasticato Filosofico di Ponte di Piave (1963-1966) fino a quando si reca in Spagna per l'insegnamento pastorale e rimane per tre anni, dal 1966 al 1969, presso la Scuola "A. San José" di Sigüenza (Guadalajara). Ha studiato per cinque anni a Viterbo (Italia): un anno di propedeutica e quattro di teologia; a 25 anni ha emesso la professione perpetua il 25 ottobre 1970. È stato ordinato sacerdote il 16.3.1974.
Già da sacerdote novello è tornato a lavorare nel seminario di Sigüenza, come insegnante, educatore e animatore del tempo libero dal 1974 al 1976. Nel frattempo, ha ricevuto un premio in Sociologia all'Università di Comillas (Madrid). Nel 1976 si è trasferito a Orduña (Viscaya) dove è rimasto fino al 1994, prima come insegnante di filosofia, poi come insegnante di disegno tecnico, guidando il Gruppo Scout di Orduña "Orduñako Eskautak"; direttore della Scuola Ntra. Sra. De la Antigua dal 1982. Fu nominato consigliere della Delegazione spagnola 1985-88. Nel 1988 viene nominato Superiore della Delegazione fino al 1994, che passa a Roma come Segretario nel Consiglio Generale (1994-2000). Viene nominato Superiore della Viceprovincia USA-Messico (2000-2006), concentrando la sua azione sulla promozione della Formazione della Famiglia del Murialdo e sull'apertura di nuove realtà pastorali. Nel 2006 si trasferisce a Santiago del Cile dove sarà rettore del Liceo L. Murialdo per 7 anni ed economo per gli ultimi anni.
 
Nel 2014 si trasferisce a Villa Soldati a Buenos Aires (Argentina) (2014-2016) e per due anni anima la scuola "Cristo Obrero" come direttore e vicedirettore della comunità. Nella primavera del 2016 al 2020 è stato assegnato alla Spagna per aprire una nuova opera nella periferia di Madrid, la parrocchia di San Raimundo de Peñafort a El Pozo, - e ora UDAP insieme a Santa María del Pozo e Santa Marta. È stato consigliere e anche economo della Delegazione di Spagna e si è occupato della formazione in questo Anno Murialdino.
Intelligente ma semplice e con una buona memoria, con grande capacità di lavoro, di sintesi e di organizzazione. Impulsivo e impetuoso in tutto ciò che faceva e proponeva, non c'era nulla che si potesse mettere davanti a lui, perché sapeva fare tutto. Era un "echao pa`lante" ed energico. Nel suo corso i suoi compagni di classe lo chiamavano in Veneto "Faso tuto mi" (faccio tutto da solo), al quale lui rispondeva "Te poi ben dirlo". Sociologo, con una vasta conoscenza della storia, dei popoli e della filosofia, amava viaggiare e conoscere nuove culture - un uomo del Rinascimento completo. Si godeva la vita, la famiglia e le piccole cose. Ha studiato tutta la vita, ha scritto articoli e, se non sapeva una cosa, l'ha imparata, nonostante gli anni. Per lui non c'erano barriere: ci metteva tutta la sua tenacia e la sua resistenza; e diventava un esperto in cose che molti di noi non riuscivamo a capire come facesse. Aveva un carattere forte, una personalità travolgente, ordinato e metodico. Se si arrabbiava e non controllava il suo carattere, nel giro di due minuti veniva come un bambino per fare pace e conquistarti con il suo sorriso. Di lui è stata scritta una testimonianza: "Sapevo che dietro questa apparente immagine di persona rigida, di cattivo carattere, perfezionista e ossessionata dall'ordine, il sensibile Franco, infantile, onesto, laborioso, gentile e con un amore infinito per la sua vocazione Giuseppina, mi sono resa conto che Dio non avrebbe potuto farmi un dono migliore di questo grande amico" (Cecilia). Un amante della natura, delle montagne - le sue Dolomiti - che annunciano la bellezza del Creato, la sua passione, da cui i bambini hanno imparato ad ammirare e godere dei bellissimi paesaggi in escursioni, campeggi e gite. Lo immaginiamo nella sua ultima marcia con lo zaino pieno d'amore e di buone azioni verso le Dolomiti del cielo.
Forse, essendo rimasto orfano all'età di 19 anni, avendo accompagnato a Santa Marinella, vicino a Civitaveccia (Italia) il Cardinale SLIPY, prigioniero nei Gulag della Russia e liberato da San Giovanni XXIII, per il Concilio Vaticano II, essendo direttore di molte scuole enormi, Caritas e molte altre esperienze a Sigüenza, Orduña, Roma, USA-Messico, Cile, Argentina e ora a El Pozo-Madrid, noi tutti ricordiamo che la forza della sua personalità, l’impegno al lavoro, la santità e la fedeltà alla sua preghiera quotidiana, come frutto della sua fede forte, ragionata e robusta.
Franco era un vero apostolo giuseppino del nostro tempo, un figlio del Murialdo. Ha scritto Suor Orsola: "Un sacerdote vigoroso, un uomo di Dio, sempre devoto a Gesù Cristo, ai giovani e ai fratelli. Con contagioso entusiasmo abbiamo apprezzato la tua capacità di relazioni fraterne, amichevoli e semplici, il tuo amore per il carisma, per la preghiera e la tua capacità di incoraggiare e sostenere molti giovani e adulti nei momenti difficili".
Era una giuseppino che si dedicava ad essere AMICO, FRATELLO E PADRE ai bambini e ai giovani. Questa era la sua passione: essere un educatore intrepido, esigente e instancabile. Ed era esemplare, infatti, i bambini e i giovani lo adoravano perché era gentile e affabile, semplice e si è messo al loro livello, trasmettendo ai suoi studenti la sua gioia e il suo entusiasmo. Era un

buon maestro, molto preparato e aggiornato. Molte ore di preparazione e di studio, di perseveranza e di logoramento per poter portare ai suoi studenti il meglio delle sue conoscenze - tutti i suoi studenti ricordano le sue lezioni con grande affetto e lo ringraziano per gli anni trascorsi insieme, come testimonia il 50° anniversario di Orduña.
Già nelle “case minime" a Viterbo ha iniziato un'opera pastorale più vicina agli emarginati durante i suoi anni di teologia. E ha messo in pratica il motto di Giuseppino: "Fai del bene, ma fallo bene", per non essere sciatto. Era straordinario nell'ordinario di ogni giorno: si godeva le piccole cose semplici e quotidiane e si meravigliava di ogni attività, delle passeggiate, dei campi, delle cerimonie e della voglia di fare. Ha dedicato molte ore alla formazione della FdM. Abbiamo scelto il motto della Delegazione dei Giuseppini di Spagna e a lui è piaciuto: "CONDIVIDIAMO LA NOSTRA PASSIONE PER L'EDUCAZIONE". Ha scritto articoli, anche di pedagogia, consigliando i team di gestione, i chiostri e le famiglie. Una persona allegra, come dimenticare il suo sorriso! Ripeteva: "IL GIUSEPPINO, SEMPRE GIOIOSO! come ricordano quelli del Cile, e "NOI SIAMO NELLE MANI DI DIO E SIAMO IN BUONE MANI".
Un pioniere creativo dalla testa ai piedi, entusiasta e vicino, che sta aprendo la strada per creare nuove opere e percorrere nuove strade; un uomo dalle molte idee e progetti, con molte sfide da affrontare; un pastore con l'odore delle pecore: "Alle nuove necessità, nuove opere" (ha detto SLM). E da buon missionario, ha sentito il profumo dell'occasione di essere apostolo fino alla fine: al Pozo ha seguito la formazione degli osservatori, il sostegno scolastico, il campo da calcio per l'oratorio e i campi urbani. Nel 1979 è stato il 4° membro degli Scout del MSC in Spagna ed è stato inviato a formare un gruppo scout. Inoltre, è stato uno di quelli che ha iniziato il suo viaggio nella nostra terra spagnola e conosciamo molto bene tutti gli sforzi e i sacrifici che ha fatto insieme a quei primi Giuseppini affinché la congregazione potesse svilupparsi nella nostra Spagna. Il suo sogno: UNIRE TUTTI I CRISTIANI e TUTTE LE RELIGIONI! ("Ut unum sint").
Caro Patxi-Franco: Molte persone ti hanno accompagnato con le loro preghiere e il loro affetto riconoscente nella tua ultima battaglia. Ti abbiamo visto sereno e rassegnato nella tua debolezza, accettando il piano che Dio aveva per te, così ci ha detto il cappellano dell'ospedale. E anche noi abbiamo pregato intensamente il Signore di tramandare questo calice amaro. La tua partenza ha causato un dolore immenso. Alla fine, solo ciò che Dio vuole. Sei avanti a vivere il mistero pasquale con Gesù. Goditi l'infinito, personale, tenero, eterno e misericordioso amore di Dio Padre-Madre nel quale hai creduto e al quale hai consacrato la tua vita.
Torna alla casa del Padre, Franco, per essere la terra che il tuo Creatore, il miglior vasaio, ti ha modellato per essere un uomo di Dio, un apostolo instancabile. I tuoi genitori, Vittorio e Teresa, e tutti i santi Giuseppini vengono ad applaudirti. La Madonna ti riceverà a braccia aperte - ogni giorno prima delle 7:00 aveva già recitato il Rosario; San Giuseppe, il tuo patrono della buona morte, ti metterà a lavorare nella falegnameria del cielo e San Leonardo Murialdo, che ti ha fatto il dono di morire lo stesso suo giorno - il 30 marzo - continuerà a darti un lavoro educativo in cielo per tutti i nostri figli, specialmente i più bisognosi. Ci sarà una grande festa in cielo al tuo arrivo e tu - come sempre - preparaci un delizioso tiramissù per il banchetto celeste. Conoscendo i tuoi gusti, firmerai una morte come quella che hai avuto: senza dare guerra - non ti piaceva essere visto in ospedale -, il giorno di San Leonardo Murialdo, e una sepoltura come questa: senza persone.

Grazie, Patxi, per il tuo servizio e la tua dedizione. Hai dato la tua vita e la tua salute ai più bisognosi perché non si perdessero ("ne perdantur") e ci hai insegnato a servire. Ci renderemo presto conto dell'enorme lavoro che hai fatto e dell'esempio che ci hai lasciato. Grazie per la tua testimonianza come "santo della porta accanto".
Addio, caro fratello sacerdote giuseppino. Riposati un po'. Ti salutiamo con l'epitaffio di uno dei tuoi filosofi: "Mettimi, eterno Padre, nel tuo petto, misteriosa casa. Dormirò lì, perché sono distrutto dal duro lavoro”. (Miguel de Unamuno).
P. Juan José Gasanz Delegado Spagna

Click here to receive our newsletter